MIND GAMES
Galleria d'Arte Marconi, via Fratelli Kennedy 70 - Monsampolo del Tronto (AP)
Galleria Marconi, galleria d'arte moderna a monsampolo del tronto, opere artistiche, quadri, oggetti d'arte
135
post-template-default,single,single-post,postid-135,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
 

MIND GAMES

MIND GAMES

a cura di Karin Andersen

L’inaugurazione si terrà domenica 19 Febbraio alle ore 18.00
La mostra termina il 16 marzo 2006

Domenica 19 Febbraio la Galleria Marconi presenta “Mind Games”, una collettiva curata dall’artista Karin Andersen.

Tema della mostra è una reinterpretazione dell’identità all’insegna di mitologie da pop culture, di improbabili sogni giovanili e non, di talenti latenti e di immaginari personalissimi: come saremmo se non fossimo quel che siamo, ma se invece avessimo realizzato il sogno di diventare una star?

Karin Andersen ha invitato alcuni artisti a rispondere ai seguenti quesiti: “se fossi un musicista, che tipo o genere di musica faresti? Come ti chiameresti? Quale sarebbe l’estetica delle tue uscite discografiche e il look con cui ti presenteresti al tuo pubblico?”, e a elaborare copertine di CD, flyers, locandine, gadgets e ogni altro tipo di oggetto-feticcio utile a illustrare il gioco della reinvenzione di se stessi sotto forma di alter ego musicale.

Tutto il materiale della mostra è rigorosamente falso. Anche gli artisti attivi nel campo della musica hanno dovuto rivedersi in base all’idolo che avrebbero voluto diventare, portando alla luce la propria vena trash, l’inconfessato amore per la musica country, tirando fuori dai cassetti i gadget heavy metal tenuti nascosti, le proprie fantasie sulla musica classica e contemporanea, o anche la voce da mezzosoprano che finora si era sentita soltanto tra le piastrelle della propria doccia.

Mind Games è la più recente tappa di AURAL ScULPTURE(S), un work in progress itinerante ideato da Karin Andersen e Michele Mariano, curato da Edoardo Bridda e Christian Rainer. Il progetto nasce dall’incipit di una prima mostra di sole copertine di CD finte organizzata da Karin per la galleria bolognese Il Campo delle Fragole nel 1996. Quest’ultima special edition realizzata per la Galleria Marconi amplia l’archivio itinerante dei musicisti finti con lavori inediti di 29 artisti italiani e stranieri. Testi in catalogo di Edoardo Bridda e Andreas Flevin.

Gli artisti che hanno aderito all’iniziativa sono: Arianna Carossa, Juan Carlos Ceci, Christian Rainer, Daniel Lee, Sara Colaone, MoniQue Monica Condini, Juha van Ingen, Hanna Yrjönen, Andrea Contin, Katharina Dieckhoff, Maicol & Mirco, Luigi Mastrangelo, Bruno Benuzzi, Marc Giloux, Michele Mariano, Sandro Natalini, Onofrio Catacchio, Elena Rapa, Roxy in the Box, Rachele Salvioli, SQUP, Fedra Boscaro, Vru & Sawa & Totò, Giovanni Bellavia & Beatrice Negri & Francesco Di Credico & Giulio Macaione


scheda tecnica/technical card

ufficio stampa/press agent Dario Ciferri
catalogo/catalogue
curatore/curator Karin Andersen
testo critico/art critic by Edoardo Bridda, Andreas Flevin
traduzione di/translation by Patrizia Isidori, Giulia Wilkinson, Catia Mignini

dal 19 Febbraio al 16 Marzo
from 19th February to 16th March

orario: lunedì-sabato dalle 16 alle 20
opening time: Mon-Sat 4 to 8 p.m.

G1A4M2Fxa00
gasparrini.fabio@tiscali.it