Daniele Duranti in SOSTANZA LABILE
Galleria d'Arte Marconi, via Fratelli Kennedy 70 - Monsampolo del Tronto (AP)
Galleria Marconi, galleria d'arte moderna a monsampolo del tronto, opere artistiche, quadri, oggetti d'arte
132
post-template-default,single,single-post,postid-132,single-format-standard,bridge-core-1.0.5,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive
 

Daniele Duranti in SOSTANZA LABILE

Galleria d'Arte Marconi

Daniele Duranti in SOSTANZA LABILE

a cura di Cristina Petrelli

L’inaugurazione è domenica 30 Ottobre alle ore 18:00

La mostra termina il 30 Novembre 2005

La Galleria Marconi è aperta tutti giorni dalle 16.00 alle 20.00, esclusa la domenica

Domenica 30 Ottobre la Galleria Marconi presenta “SOSTANZA LABILE“, personale che propone i lavori di Daniele Duranti, con il testo critico di Cristina Petrelli e l’intervista di Gloria Gradassi.

SOSTANZA LABILE, secondo appuntamento stagionale della Galleria Marconi, segue Art in Cities (AL MURO – arte ricercata), mostra organizzata in collaborazione con la Gallerie De Meerse di Hoofddorp (Olanda), che ha riscontrato un grosso afflusso di visitatori, anche grazie alla divulgazione fatta da più di trenta siti nazionali ed internazionali. Art in Cities ha proposto un’importante testimonianza della Street Art (graffiti, posters, adesivi, stencil, ecc.) attraverso foto provenienti da tutto il mondo, portando l’attenzione sull’arte che nasce e cresce nelle città.

L’installazione di Daniele Duranti propone opere pittoriche che raffigurano fermi-immagine presi dalla televisione, lavori normalmente di piccolo formato in cui si evidenzia l’interessante contrasto tra una pittura ad olio eseguita con lentezza e con pennellate sottili e tirate, e la velocità d’uso e consumo dell’immagine televisiva.

Una pittura con al centro il rapporto uomo-macchina, con frame di automobili raffigurati sulla tela, e l’immagine televisiva che s’innalza a nuovo paesaggio, sottolineando come l’abitudine a guardare la televisione porti a non distinguere più questa dalla realtà. Il piccolo formato dei lavori permette inoltre di osservare attentamente ogni opera, apprezzandone anche i minimi particolari, come se ogni tela fosse un piccolo gioiello.

“L’immagine si presenta essenzialmente come opera pittorica. Acquisendo, infatti, l’immagine televisiva attraverso la pittura, trasforma quella che è la breve durata e la labile sostanza di questo tipo di visione in un’opera materica, tangibile, concreta. […]

Bisogna evidenziare come, nel lavoro di Daniele, l’opera diventi altro rispetto al soggetto, risolvendosi in superficie. Davanti ad una sua opera lo sguardo può perdersi fra i colori e l’andamento delle linee e si può smettere di cercare una qualsiasi possibile riconoscibilità. Questa non è importante. Tanto che si può affermare che alcuni suoi brani pittorici raggiungono esiti astratti. Quella di Daniele è pittura pura, con tutta la sua forza creativa e le sue infinite possibilità d’essere”. (Cristina Petrelli)


scheda tecnica/technical card

testo di/text by Dario Ciferri
catalogo/catalogue
testo critico/art critic by Cristina Petrelli
intervista/interviewer: Gloria Gradassi
traduzione di/translation by Patrizia Isidori
traduzione di/translation by Catia Mignini
traduzione di/translation by Giulia Wilkinson

periodo 30 Ottobre – 30 Novembre
period 30 October – 30 November

orario: lunedì-sabato dalle 16 alle 20
opening time: Mon-Sat 4 to 8 p.m.

G1A4M2Fxa00
gasparrini.fabio@tiscali.it