Chiara Francesconi – Gabriele Silvi
Galleria d'Arte Marconi, via Fratelli Kennedy 70 - Monsampolo del Tronto (AP)
Galleria Marconi, galleria d'arte moderna a monsampolo del tronto, opere artistiche, quadri, oggetti d'arte
190
post-template-default,single,single-post,postid-190,single-format-standard,bridge-core-1.0.5,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive
 

Chiara Francesconi – Gabriele Silvi

Galleria d'Arte Marconi

Chiara Francesconi – Gabriele Silvi

a cura di

Stefano Verri – Cristina Petrelli

L’inaugurazione si terrà domenica 13 gennaio alle 18:00
La mostra termina il 10 febbbraio 2008
La Galleria Marconi è aperta tutti giorni dalle 16.00 alle 20.00, esclusa la domenica

Dopo la pausa natalizia, la Galleria Marconi di Cupra Marittima riprende la stagione espositiva della rassegna di mostre Con te o senza di te.
Domenica 13 gennaio alle 18.00 si inaugura la doppia personale di Chiara Francesconi e di Gabriele Silvi, mentre i testi critici sono stati scritti da Stefano Verri e Cristina Petrelli.
Per questa doppia personale i due critici Stefano Verri e Cristina Petrelli sono stati invitati a presentare un artista ciascuno e a integrarsi e interagire nel proprio lavoro. Stefano Verri presenta Chiara Francesconi, che lavora sulla fotografia, mentre Cristina Petrelli presenta Gabriele Silvi, che invece sviluppa il suo lavoro sull’installazione.

“Il centro attorno a cui ruotano le opere di Chiara Francesconi è il mondo femminile in tutte le sue sfaccettature. L’artista priva i sogetti di momenti di intimità di cui rende partecipe il mondo intero. Microuniversi si espandono a dismisura fino a diventare la chiave interpretativa del mondo che ci circonda. Piccoli segnali diventano le spie di un’epoca. Il colore diventa il filtro, la cortina che ci divide tra realtà e rappresentazione tra mondo e set, in un vortice di confusioni inattese e i riflessi. Un gioco con lo spettatore costruito per lo spettatore frutto di semplicissimi scatti ed artifici di luce”. (Stefano Verri)

“Un grande luna park con le luci che brillano, i colori sgargianti e le forme attraenti. A questo rimandano i lavori di Gabriele Silvi. Siamo invitati a partecipare. Ma quando entriamo nel meccanismo del gioco, l’apparente innocenza viene gradualmente sostituita da un senso di consapevolezza. Il rimando è ad altri contesti, drammatici scenari, fragili equilibri”. (Cristina Petrelli)

Con te o senza di te è il nome del rassegna che nella stagione 2007/08 riunisce le mostre della Galleria Marconi. A primo impatto potrebbe sembrare una presa di posizione abbastanza snob, come per dire: che tu ci sia o meno la nostra attività va avanti lo stesso. Ma questa a ben guardare è solo l’impressione iniziale, e non potrebbe essere altrimenti, perché la realtà è un’altra, e ben diversa.
Questo progetto è in verità una dedica, ed un ringraziamento, a tutte le persone che negli anni di attività della Galleria, hanno collaborato alle nostre iniziative, hanno partecipato, o ci sono state semplicemente vicine col cuore e/o con la simpatia.

Con te o senza di te le cose non sarebbero mai potute andare secondo il percorso che la Galleria ha fatto in questi anni. Artisti, critici, curatori, tutti hanno lasciato un segno nella nostra strada.
Con te o senza di te in fondo non è che una rete che raccoglie idee e progetti, spesso distanti tra loro, ma riuniti in un percorso preciso: tracciare un cammino nell’arte contemporanea. Un percorso non univoco che però è in grado di dar voce a progetti, concetti, idee.

Con te o senza di te è il nome del rassegna che nella stagione 2007/08 riunisce le mostre della Galleria Marconi. A primo impatto potrebbe sembrare una presa di posizione abbastanza snob, come per dire: che tu ci sia o meno la nostra attività va avanti lo stesso. Ma questa a ben guardare è solo l’impressione iniziale, e non potrebbe essere altrimenti, perché la realtà è un’altra, e ben diversa. Questo progetto è in verità una dedica, ed un ringraziamento, a tutte le persone che negli anni di attività della Galleria, hanno collaborato alle nostre iniziative, hanno partecipato, o ci sono state semplicemente vicine col cuore e/o con la simpatia. Con te o senza di te le cose non sarebbero mai potute andare secondo il percorso che la Galleria ha fatto in questi anni. Artisti, critici, curatori, tutti hanno lasciato un segno nella nostra strada. Con te o senza di te in fondo non è che una rete che riaccoglie idee e progetti, spesso distanti tra loro, ma riuniti in un percorso preciso: tracciare un cammino nell’arte contemporanea. Un percorso non univoco che però è in grado di dar voce a progetti, concetti, idee.

Ci sono facce che ci sembrano un’esagerazione
Altre che le vediamo una volta e già ci scolpiscono gli occhi
Rughe sorrisi epidermidi
Li vendiamo a caro prezzo i nostri ricordi
Ma poi li perdiamo per una manciata di coriandoli
Con te o senza di te quale sarebbe stata la mia strada?
Un bugigattolo un ponte o una villa in collina
Sarei solo o avrei una persona in più da salutare?
Di ricorrenza in ricorrenza
Cercando di non perdere un momento felice
Anche uno soltanto
Con te? Senza di te? Spero comunque per te
Una strada è bella solo quando la possiamo raccontare a chi ci incontriamo
E scriverne un pezzo insieme
Che sia una frase un capitolo o una congiunzione
Ci sono facce che vedi spesso, anche adesso
Sorridere è un buon passo per continuare


scheda tecnica

curatore: Stefano Verri – Cristina Petrelli
testo critico: Stefano Verri – Cristina Petrelli
interviste e ufficio stampa: Dario Ciferri
relazioni esterne e promozione delle attività: Stefania Palanca
fotografia: Marco Biancucci
riprese video: Stefano Abbadini
allestimenti: Marco Croci
progetto grafico: maicol e mirco

dal 13 gennaio al 10 febbraio
orario: lunedì-sabato dalle 16 alle 20

G1A4M2Fxa00
gasparrini.fabio@tiscali.it