Giovanni Presutti

Dopo la laurea in legge inizio a studiare fotografia, è come se la mia arte avesse scelto me e mi avesse costretto a questo passo, senza provare almeno ad essere fotografo mi sarei sentito morire dentro. Mi diplomo alla scuola Art.e di Firenze e all’istituto Kaverdash di Milano e faccio parte di Reflexions Masterclass condotto da Giorgia Fiorio.

Ho subito avuto una intensa attività espositiva sia in spazi pubblici che in spazi privati come gallerie e festival di fotografia. Il mio interesse si è subito rivolto alla ricerca personale, non sono mai stato attratto dalla fotografia commerciale.

Il principale tema della mia ricerca è la contemporaneità sia nell’osservazione delle sue devianze come nei progetti Dependency, degli ironici tableau vivant che ho ideato, allestito e poi fotografato sulle nostre dipendenze, ed Hello Dolly!, la storia di una bambola che in un nostro prossimo futuro ormai privo di traccia umana si aggira nei luoghi, ormai derelitti, simbolo della nostra contemporaneità, che nelle analisi del territorio, come nel progetto Eolo in cui ho fotografato tutti i parchi eolici italiani posti prevalentemente nell’Italia meridionale e Contemporanea dove ho documentato, individuandone la totale omologazione, le architetture europee costruite nell’ultimo decennio.

“Sii onesto, nella vita come nell’arte, fai sempre solo questo che senti dentro te stesso.”

Date: 1 febbraio 2015

Categories: Artisti